Voci di carta. Le leggi razziali attraverso i documenti della città di Siena

Sarà prorogata fino a venerdì 15 febbraio la mostra documentaria “Voci di carta. Le leggi razziali attraverso i documenti della città di Siena” curata da Cinzia Cardinali, Anna Di Castro e Ilaria Marcelli, allestita negli spazi dell’Archivio di Stato di Siena. La nuova scadenza consentirà di rispondere alle tante richieste di visita giunte dalle scuole del territorio senese. Domenica 27 gennaio, in occasione del Giorno della Memoria,l’Archivio sarà inoltre eccezionalmente aperto alle 17.30 per il concerto “Musica dall’esilio. Omaggio a Mario Castelnuovo – Tedesco” una esibizione dell’Unione corale senese “Ettore Bastianini” con l’esecuzione integrale dell’opera per chitarra, coro e solisti, Romancero Gitano, dai versi di Federico Garcia Lorca. Il concerto, diretto da Francesca Lazzeroni e accompagnato da Edoardo Catemario alla chitarra, vedrà la partecipazione degli allievi della Classe di Canto dell’Istituto Superiore di Musica Rinaldo Franci. Alle 16.30 è invece in programma la visita guidata alla mostra, prenotazioni a as-si.comunicazione@beniculturali.it.

“Voci di carta” racconta, attraverso il linguaggio delle carte ufficiali, circolari e disposizioni ‘riservate’ provenienti dai fondi della Prefettura di Siena conservati in Archivio di Stato, ma anche da fotografie, fascicoli personali e registri scolastici provenienti da archivi diversi della città, come la legislazione fra il 1938 e il 1945 limitò la capacità giuridica degli ebrei italiani, rendendoli di fatto cittadini di rango inferiore. Una documentazione che tende a comprimere e trasformare tante tragedie umane in semplici questioni amministrative. Ma uno degli scopi della mostra è quello di leggere e comprendere il vero significato dei documenti, al di là della apparente “ordinarietà” dello stile e del linguaggio, per ricostruire le vicende storiche reali, di uno dei periodi più drammatici della nostra storia nazionale.

Il progetto è stato realizzato dall’Università degli Studi di Siena in collaborazione con l’Archivio di Stato di Siena e CoopCulture all’interno del programma Memoria della Regione Toscana, con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, della Comunità Ebraica di Firenze e Siena e della Fondazione Centro Documentazione Ebraica Contemporanea CDEC – Onlus.

La mostra è visitabile fino al 15 febbraio 2019 negli spazi dell’Archivio di Stato, Via Banchi di sotto 52. Visite libere dal lunedì al sabato alle 9.30, alle 10.30 e alle 11.30; visite guidate per scuole e gruppi dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30, in collaborazione con CoopCulture.

Per le prenotazioni rivolgersi a as-si.comunicazione@beniculturali.it, per ulteriori informazioni Archivio di Stato www.archiviodistato.siena.it.

DATA

prorogata fino a venerdì 15 febbraio

LUOGO

Archivio di Stato di Siena

INGRESSO

Gratuito

0 Condivisioni
Post suggeriti

Leave a Comment

X