“La Classe” vince In–Box 2019

Lo spettacolo di Fabiana Iacozzilli/CraNpi si aggiudica 20 repliche. 19 date a “Kanu” di Piccoli Idilli, vincitore In-Box Verde

Si è conclusa sabato 25 maggio la VI edizione di In-Box dal Vivo, fase finale di selezione del progetto In-Box, sostenuto dal Comune di Siena, che ha ospitato la manifestazione. Oltre 230 tra artisti, operatori, giornalisti e tanto pubblico cittadino (2.400 presenze, quasi un migliaio di alunni delle scuole della provincia) hanno affollato gli spazi teatrali in cui si sono svolte le sei giornate dedicate alla manifestazione, negli anni diventata un appuntamento di richiamo nel panorama teatrale italiano. Nato a Siena nel 2009 In-Box riunisce in rete oltre 60 soggetti su tutto il territorio nazionale, dal Trentino alla Sardegna. 

LA CLASSE, scritto, diretto e interpretato da Fabiana Iacozzilli, e prodotto da Cranpi ha vinto questa edizione di In Box. Vincitore del bando di residenze interregionali CURA 2018, finalista ai Teatri del Sacro 2017, finalista al Premio per le arti sceniche Dante Cappelletti 2018 e ha debuttato in prima nazionale a Romaeuropa Festival  a  ottobre 2018, lo spettacolo si è aggiudicato 20 repliche delle 51 messe in palio dal premio.

Al secondo posto MAZE – LABIRINTO di Unterwasser, live performance di ombre nella quale sculture e corpi tridimensionali sono proiettati dal vivo su un grande schermo, creando l’illusione di assistere a una pellicola cinematografica, ha ottenuto 13 repliche. Sono 9 le repliche vinte da Luisa Merloni di Psicopompo Teatro, vincitrice del premio UBU 2008 per la migliore novità straniera con Hamelin di Juan Mayorga, con FARSI FUORI. Ha vinto il premio della giuria Millennials, oltre a 4 repliche, COSI’ LONTANO COSI’ TICINO, messo in scena dal Teatro Città Murata assieme a Mumble Teatro.

Infine Fartagnan Teatro, compagnia nata nel 2017 con il sogno di creare un nuovo Teatro Pop per la generazione 2.0., ha ottenuto 3 repliche per APLOD, spettacolo selezionato per Tramedautore 2018 – Festival internazionale delle drammaturgie, un testo “distopico” quasi fantascientifico, che ricalca il modello della serie tv inglese BlackMirror, mentre lo scrittore Claudio Morici, i cui reading hanno riempito spazi culturali e teatri della capitale con 46 TENTATIVI DI LETTERA A MIO FIGLIO ne ha ricevute 2.

Mercoledì pomeriggio erano state assegnate le repliche di In-Box Verde: 19 a KANU di Piccoli Idilli, 12 a CAPPUCCETTO ROSSO di Zaches, 6 a STORTO di InQuanto Teatro, 2 a testa per A NASO IN ARIA di Schedìa Teatro, IL MULO di Associazione 4Gatti e STORIA DI UNO SCHIACCIANOCI del Teatro nel Baule.

Inseriti nella “Selezione In-Box 2019” inoltre  Atti di Guerra di Guinea Pigs, Cabaret Sacco & Vanzetti del Teatro dei Borgia, Causa Di Beatificazione di Matilde Vigna, Fail di Francesca Franzè, La consuetudine frastagliata dell’averti accanto de I poli a k.o.v., Le donne baciano meglio di Compagnia NIM – neuroni in movimento, Lo zoo di vetro di SlowMachine, Mamma di Danilo Giuva, Trainspotting di Sandro Mabellini, Una classica storia d’amore eterosessuale di Domesticalchimia. Completano la “Selezione In-Box Verde 2019”: Alice di Centro Teatro Dei Navigli, Casa de Tàbua di Teatro C’art, Niko e l’Onda Energetica di Pindarica, Yes Land di Giulio Lanzafame. 

Ideato da Straligut Teatro e sostenuto dal Comune di Siena nell’ambito del rinnovo di una residenza artistica triennale, il progetto In-Box, costituisce un caso unico in Italia, dedicandosi alla promozione di artisti e compagnie emergenti tramite 2 bandi annuali che mettono in palio tournèe di repliche pagate (complessivamente 94 nel 2019). Per l’originalità del progetto In-Box ha ottenuto dal 2015 il riconoscimento da parte dei Ministero per i beni e le attività artistiche e culturali, oltre a quello della Regione Toscana tramite la residenza artistica riconosciuta a Straligut dal 2016. Il progetto inoltre si avvale del sostegno di Fondazione Toscana Spettacolo onlus, partner dal 2013. 

Ottimo risultato anche per In-Box Millennials, iniziativa dedicata agli studenti universitari, complessivamente una quarantina, e sviluppata col sostegno dell’Università degli Studi di Siena e uSiena Campus: due gruppi di studenti hanno avuto parte attiva durante il festival formando una giuria popolare, accompagnata dal critico e giornalista di Rai 3 Gherardo Vitali Rosati e una redazione giornalistica, coordinata da Andrea Pocosgnich della testata nazionale Teatro e Critica, che ha raccontato il festival giorno per giorno. In-Box dal Vivo è inoltre inserito all’interno del Festival Siena Città Aperta ai Giovani, il cartellone di appuntamenti promosso dall’assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Siena, Fondazione MPS, Università degli Studi di Siena e Università per Stranieri di Siena, con il supporto di Vernice Progetti Culturali.

DATA

Data

LUOGO

Luogo

INGRESSO

Gratuito/Pagamento

210 Condivisioni
Post suggeriti

Leave a Comment

X