In Eventi, Incontri

Mercoledì 24 gennaio 2024, ore 10, aula magna Virginia Woolf

 

Mercoledì 24 gennaio 2024, a partire dalle ore 10, nell’aula magna Virginia Woolf, si terrà l’evento “Unistrasi per il Giorno della Memoria”.

Dopo i saluti istituzionali, ai quali parteciperanno il rettore Tomaso Montanari e un rappresentante della comunità ebraica Firenze-Siena, la prima sessione della giornata di studi sarà dedicata al tema “Il Fascismo e gli ebrei fuori d’Italia”. Parteciperanno lo storico Michele Sarfatti, studioso della persecuzione antiebraica e della storia degli ebrei in Italia nel XX secolo e Christian Satto, ricercatore di Storia Contemporanea all’Università per Stranieri di Siena. Modererà Luigi Spagnolo.

La seconda sessione sarà centrata su “Pratiche di memoria oggi: letteratura, arte, podcast” e approfondirà le tematiche legate alla memoria delle deportazioni nazifasciste attraverso discipline e strumenti diversi dalla storia e dai suoi metodi più tradizionali. Parteciperanno Elisabetta Ruffini, direttrice dell’Istituto bergamasco per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, Gianni Moretti, docente di Anatomia dell’immagine e Metodologia della progettazione presso la Libera Accademia di Belle Arti (LABA) di Brescia e Andrea Giovarruscio, regista di un video-documentario sul viaggio della memoria che ogni anno l’associazione effettua nel lager di Mauthausen e

co-autrice del podcast ANEDdoti, che in ogni episodio racconta la vicenda di un deportato italiano nei campi nazisti attraverso la voce dei familiari e degli studenti coinvolti nel progetto.

Seguirà un momento di ricordo dedicato ad Alba Valech Capozzi, senese di origini ebraiche, superstite di Auschwitz e fra le prime testimoni italiane a raccontare la deportazione.

A conclusione dell’incontro si terrà la performance teatrale di Altero Borghi, con la musica e le canzoni del cantautore Leonardo Breschi, “Triangolo rosa. Un omosessuale che esce dal campo di concentramento”.

“Unistrasi, anche quest’anno, rinnova il suo impegno per la riflessione intorno al Giorno della Memoria”, sottolinea Luigi Spagnolo, delegato del rettore alle politiche studentesche per l’inclusione e la giustizia sociale, “in particolare, l’evento del 24 gennaio sarà dedicato sia alla questione storica della persecuzione degli ebrei nelle colonie fasciste e ai confini del Regno d’Italia sia ai modi più efficaci per raccontare le deportazioni nazifasciste alle nuove generazioni (letteratura, arte, podcast). In chiusura, l’omaggio alla memoria di un’ebrea sopravvissuta ad Auschwitz, Alba Valech Capozzi (1916-1999), di origini senesi, e una performance teatrale sulla persecuzione nazifascista delle persone omosessuali”.

 

Consulta la locandina

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

X