Il Comune apre lo Sportello Famiglia: un nuovo spazio per i cittadini

Front office ed un sito ad hoc: tutte le informazioni su contributi e bonus

Il Comune apre lo Sportello Famiglia: un nuovo spazio per i cittadini

Uno spazio a disposizione dei cittadini e delle famiglie senesi, dove ottenere tutte le informazioni sui bonus e i contributi messi in campo dall’amministrazione comunale. E’ il nuovo “Sportello famiglia”, che nasce in via del Casato di Sotto (all’interno del Palazzo Ottieri della Ciaia), espressione del progetto complessivo “Obiettivo Famiglia” del Comune di Siena.

Lo sportello è di fatto la risposta “organizzata” per la gestione di una serie di contributi, che costituiscono un riscontro concreto al bisogno della famiglie: un contenitore predisposto per accogliere le iniziative che via via l’amministrazione mette e metterà in campo per le famiglie senesi, sia per rispondere ai bisogni connessi ai diversi aspetti quotidiani, che per dare sostegno alla genitorialità, fornire orientamento e facilitare l’accesso ai servizi comunali e privati rivolti alle famiglie. Il tutto con particolare attenzione alle necessità emerse con la crisi pandemica globale, che ha aumentato i livelli di diseguaglianza e le difficoltà socio-economiche delle famiglie.

“Il Comune apre uno spazio condiviso – – sottolinea il sindaco di Siena Luigi De Mossi – a disposizione dei senesi e delle famiglie, un front office dove ottenere informazioni su contributi e bonus. L’obiettivo è dunque quello di sostenere e valorizzare il ruolo della famiglia, inteso come volano del benessere individuale e collettivo e al tempo stesso superare le vecchie logiche assistenziali a favore di interventi promozionali”. Lo Sportello andrà ad integrarsi con tutte le azioni messe già in campo dall’amministrazione comunale.

“In questo modo – spiega l’assessore al sociale del Comune di Siena Francesca Appolloni – sarà a disposizione dei cittadini una completa offerta di interventi a sostegno della famiglia nel territorio senese, oltre che un’interlocuzione continua tra i diversi enti promotori. Oltre alle attività di front-office, sono infatti previste azioni di coordinamento con il Servizio Sociale, il Terzo Settore e di raccordo con le Società della Salute oltre che con la relativa Direzione Welfare e promozione del benessere della comunità del Comune di Siena”. Lo Sportello prevede l’impiego di operatori con comprovate capacità relazionali e comunicative, con un’ampia conoscenza delle rete territoriale dei servizi presenti sul territorio e una buona conoscenza della lingua inglese così da poter fornire aiuto alle diverse tipologie di cittadini in cerca di supporto.

“Un buon amministratore non può non tenere conto, soprattutto ora, in questo delicato periodo storico, della famiglia e delle esigenze dei cittadini – continua l’assessore alla Sanità e ai Servizi Sociali Francesca Appolloni – amministrare bene vuol dire esserci, essere presente attivamente e fisicamente. Da qui l’idea di arricchire il lavoro fatto dal nostro Assessorato con un vero sportello sociale dedicato ai cittadini. Molto spesso è necessario essere guidati per comprendere al meglio tutte le opportunità e per questo ci siamo voluti immedesimare nel cittadino cercando di andare incontro a tutte le esigenze del caso. Oltre allo sportello anche il nuovo sito servirà come guida virtuale all’interno di questo progetto”.

Info. Operativamente lo Sportello (aperto lunedì e mercoledì in orario 10-13 e martedì 15 -18) fornirà tutte le informazioni sui servizi e i bonus erogati dal Comune di Siena (e più in generale in tutto il territorio e da altri enti e istituzioni e privati), comprese le opportunità del progetto “Obiettivo famiglia”, con particolare attenzione ai nuclei familiari più fragili, anche in un’ottica di prevenzione della marginalità. Al tempo stesso sarà garantito anche un servizio di supporto agli Enti del Terzo Settore del Comune di Siena operanti nelle attività che, a vario titolo, possono essere indirizzate alle famiglie, oltre all’aggiornamento e gestione del portale sienafamiglia.it. Per l’apertura dello Sportello l’amministrazione ha scelto di avvalersi del know-how della Cooperativa Pangea che ha già esperienza in iniziative simili. Nell’ambito di un progetto più ampio gestito in partenariato con altri soggetti, la cooperativa senese gestisce già da tempo lo “sportello di prossimità” rivolto a cittadini di paesi terzi attraverso operatori con competenze amministrative e legali di base, in grado di orientare l’utenza verso i servizi territoriali di competenza. L’attivazione dello Sportello Famiglia di aiuto e prevenzione della marginalità, rientra tra le azioni previste dalle politiche di sostegno familiare promosse dall’amministrazione comunale di Siena nell’ambito del progetto “Obiettivo famiglia – interventi di sostegno e valorizzazione della Risorsa Famiglia”. Il Comune di Siena infatti aderisce al “network” dei Comuni Amici della Famiglia e si candida per ottenere la certificazione nazionale di “Comune Amico della Famiglia”.

Il sito. L’altra grande novità è la costruzione del sito web www.sienafamiglia.it, una piattaforma aperta al dialogo con stakeholders e cittadini per raccogliere opinioni, criticità e opportunità del servizio che avrà il supporto dell’assistente virtuale del Comune di Siena che dopo due anni dalla nascita estende la sua attività nell’ambito dei diversi servizi del Comune di Siena. Il portale è in fase di ultimazione. Prevista all’interno del sito anche la funzione “MappaTU”. Le realtà di servizio che volessero entrare a far parte della mappatura e che non sono state segnalate potranno farlo presente tramite un apposito forum. Una nuova funzione che permetterà una visibilità a titolo gratuito,valorizzando ancor di più il progetto di rete. Attraverso questo progetto l’amministrazione comunale ha cercato di valorizzare il complesso di risorse sociali presenti sul territorio e di incentivare le politiche a favore della famiglia attivando una serie di misure economiche e progettuali per supportare economicamente i residenti. In un momento in cui aumentano i bisogni e le fragilità sociali, diventa centrale nell’idea di costruzione di un vero e proprio Welfare Familiare. I contributi vengono erogati sulla base dei modelli ISEE presentati, puntando ad impattare in modo diretto sulle situazioni di estremo disagio e povertà.

Obiettivo Famiglia. Nuclei familiari al centro dei servizi del Comune di Siena. Questo è il progetto di “Obiettivo Famiglia” nato come intervento di sostegno e valorizzazione della Risorsa Famiglia, allo scopo di contrastare le criticità socio economiche causate dalla pandemia. Messi in campo negli ultimi 2 anni dall’amministrazione comunale 1.317.613, 98 euro, cifra in aumento e di cui sarà possibile rendere conto alla fine dell’anno 2021. A rendere ancora più tangibile il servizio messo a disposizione delle famiglie la nascita dello sportello fisico al quale potersi rivolgere, un nuovo sito on line ed un’assistente virtuale. Nell’ambito delle misure previste è appunto compresa l’apertura di uno sportello.

Si-Sienasociale. Seicentomila euro per progetti su anziani, disabili, famiglia e minori. Sono i numeri della seconda fase del progetto “Si-Sienasociale” per quanto riguarda i contributi stanziati dall’amministrazione comunale a favore degli enti del terzo settore all’interno del progetto “Obiettivo Famiglia”. La fase attuale arriva dopo la conclusione della prima, nella quale, per contributi a fondo perduto per emergenza Covid, sono stati assegnati 148.500 euro (più 7.000 in corso di assegnazione) relative a 62 domande accolte (su un totale di 75 presentate) da organizzazioni no profit. In questa seconda fase, in particolare, è stata messa a bando la cifra di seicentomila euro per progetti da definire entro il prossimo 31 dicembre: si tratta di un percorso di co-progettazione con gli enti che hanno risposto ad apposito avviso sulle tre aree indicate (disabili, famiglia e minori, anziani).

Bonus. Sempre all’interno del progetto “Obiettivo famiglia” sono in corso di attivazione, inoltre, “Bonus su prestazioni sanitarie”, “Bonus Utenze” e un “Progetto di ricerca sociale”. Per quanto riguarda le prestazioni sanitarie, è previsto un contributo da 350 a 450 euro su base Isee, da spendere presso studi medici, fisioterapici, dentistici, veterinari (e altre figure sanitarie) aderenti all’iniziativa. Contributo della stessa entità per il “Bonus Utenze”, a titolo di rimborso a fronte della presentazione delle bollette di gas, luce e acqua. Infine il “Progetto di ricerca sociale” si lega a un’analisi sociale sulla condizione giovanile adolescenziale post Covid. Per il capitolo relativo a “Bonus Spesa”, “Obiettivo Famiglia” ha previsto, nella prima fase da aprile 2020 ad aprile 2021, 652.600 euro di contributi assegnati: su un totale di 4000 domande presentate, sono state accolte 2.458 domande. La seconda fase è partita lo scorso 27 settembre e in un mese di attività sono stati già assegnati 473.100 euro, per un totale di 818 domande accolte su 1.028 presentate. Per quanto riguarda il “Bonus Contributo idrico integrativo”, nell’anno 2020 sono stati assegnati contributi per 57.477, 82 euro (287 domande accolte su 325 presentate). Nel 2021 un primo bando ha assegnato 43,886, 05 euro (337 domande accolte su 374 presentate): sono in corso di elaborazione le domande del bando appena chiuso. Per il “Bonus Campi Solari” nel 2020 sono stati assegnati 38.400 euro (208 domande accolte su un totale di 211 domande presentate). Nel 2021 è stata di 53.888, 38 euro la cifra dei contributi assegnati, con 260 domande accolte su 286 presentate. Si è conclusa poi la prima fase del“Bonus Viaggio”, l’utilizzo di buoni per viaggi in taxi e Ncc. Sono stati di 4.520 euro i contributi assegnati (25 domande accolte su 27 presentate). E’ in fase di partenza la seconda fase: i cittadini senesi in condizione di particolare fragilità si potranno rivolgere alle associazioni Quavio, Pubblica Assistenza e Misericordia. Tali associazioni inseriranno un nominativo in un applicativo che attribuirà automaticamente un credito una tantum pari a 200 euro. Appena ricevuta notifica del credito di potrà telefonare al numero 3760622272 per prenotare il viaggio con Ncc o il taxi. Il “Bonus Benvenuto al mondo”, per i nati a partire dal 1 gennaio 2020, ha assegnato 25.500 euro di contributi (202 domande accolte) per l’acquisto di prodotti farmaceutici e parafarmaceutici presso le farmacie Asp Città di Siena. Per quanto riguarda infine gli assegni di maternità/nuclei con tre figli minori/disabili in gravità sono state 324 le domande accolte (357 quelle presentate) fra il 2020 e il 2021 (ancora in corso) ed è stata attivata l’istruttoria di istanze per l’attribuzione di contributi regionali e statali Inps.

Collaborazioni. Per implementare il progetto l’Amministrazione si è avvalsa della collaborazione e consulenza di Codesign Toscana, start up attiva nel campo del co-design e design thinking, Questit, azienda specializzata nello sviluppo di nuove tecnologie e intelligenza artificiale e Vernice Progetti Culturali. Tra le creazioni diQuestit, Caterina, primo assistente virtuale dedicato al Servizio Demografico del Comune di Siena, nata per supportare il cittadino in ogni fase della prestazione, fino all’invio della documentazione all’utente. Lo stesso tipo di assistenza virtuale sarà attivato anche per i navigatori del nuovo sito di Obiettivo Famiglia. L’Assessorato alla Sanità, Servizi Sociali e Politiche della Casa ha dunque portato un approccio inclusivo e dinamico allo sviluppo del progetto Obiettivo Famiglia che diventa punto di riferimento per chi si interfaccia con la progettazione di nuovi servizi alla cittadinanza di Siena. Un lavoro di confronto, ricerca e co-progettazione che ha portato alla costruzione delle basi del progetto con l’implementazione di una serie di step operativi e strategici a partire da un’analisi dei bisogni degli stakeholders coinvolti nel progetto. L’attivazione dello Sportello Famiglia di aiuto e prevenzione della marginalità, rientra tra le azioni previste dalle politiche di sostegno familiare promosse dall’amministrazione comunale di Siena nell’ambito del progetto “Obiettivo famiglia – interventi di sostegno e valorizzazione della Risorsa Famiglia”. Il Comune di Siena infatti aderisce al “network” dei Comuni Amici della Famiglia e si candida per ottenere la certificazione nazionale di “Comune Amico della Famiglia”.

Post suggeriti

Lascia un Commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

X